Adam Neumann, co-fondatore di WeWork, ha un nuovo progetto Crypto


  • Adam Neumann debutta con la sua nuova impresa cripto Flowcarbon.
  • Neumann è famigerato all’interno dello spazio crittografico a causa della sua azienda che si è schiantata nel 2019.
  • Allegory Labs, RSE Ventures e altri hanno partecipato al round di finanziamento.

Adam Neumann, co-fondatore della startup WeWork, è dietro una nuova iniziativa di criptovaluta chiamata Flowcarbon. Martedì, la società di criptovalute ha dichiarato di essersi assicurata $ 70 milioni da un gruppo di investitori diretto di Andreessen Horowitz. Dana Gibber, amministratore delegato di Flowcarbon, descrive gli sforzi del progetto come un grande meccanismo finanziario che offre un incentivo per riforestare, far rivivere e conservare la natura.

Neumann è una figura controversa a causa della sua partecipazione a WeWork nel 2019, poiché è stato rivelato che l’azienda stava perdendo denaro. Nel settembre del 2019, WeWork ha presentato il modulo S-1 per un’offerta pubblica iniziale (IPO) delle sue azioni e Neumann si è dimesso da CEO. Ha fondato Flowcarbon insieme a sua moglie Rebekah, Dana Gibber, Ilan Stern e Carolina Klatt.

Neumann vuole collocare crediti di carbonio sul blockchain. Tuttavia, semplificare l’acquisizione e il commercio dei crediti di carbonio non risolve il difetto fondamentale con crediti di carbonio e compensazioni. La possibilità di scambiare un prodotto difettoso più facilmente non lo rende meno difettoso.

Non è chiaro esattamente come Flowcarbon renderebbe le compensazioni di carbonio più efficaci o affidabili. La startup afferma inoltre che i crediti di carbonio alla base del suo token sono stati convalidati, sebbene non specifichi come o se il suo meccanismo di verifica differisca da quello dell’attuale offerta di crediti di carbonio.

Cercando di trarre vantaggio dal crollo immobiliare successivo alla Grande Recessione, Neumann ha fondato un’azienda chiamata WeWork nel 2010 e ha iniziato ad affittare modesti spazi per uffici a piccole imprese e appaltatori. Alla fine, molte persone hanno sostenuto che questa strategia era una scommessa che non avrebbe dato i suoi frutti.

La nuova impresa di Neumann rientra perfettamente nella categoria degli investimenti speculativi. Uno strumento basato su blockchain per il monitoraggio dei crediti di carbonio non è del tutto inutile. Sembra corretto credere che altre nazioni installeranno o estenderanno schemi di crediti di carbonio entro il prossimo decennio o più, e questo è il tipo di situazione internazionale in cui una blockchain senza autorizzazione potrebbe essere vantaggiosa, almeno in superficie.

Allegory Labs, RSE Ventures, Sam e Ashley Levinson, RSE Ventures, Kevin Turen e Invesco Private Capital hanno tutti partecipato al round di investimenti di Flowcarbon. Box Group, Celo Foundation e Fifth Wall hanno partecipato all’asta di token. Secondo il Flowcarbon panoramica del sito weblo scopo è rendere facoltativo il credito di carbonio aumentando al contempo la trasparenza, la liquidità e l’accessibilità.



Source link

Lascia un commento

Resta aggiornato