Bitcoin Jesus ha spazzato via le “voci” di un debito di $ 47 milioni di USDC da CoinFLEX


  • CoinFLEX ha accusato Roger Ver di essere inadempiente su un debito di $ 47 milioni di USDC.
  • Roger Ver ha negato l’accusa definendola “alcune voci”.
  • CoinFLEX è tenuto a raccogliere $ 47 milioni per riprendere i prelievi.

Dopo la piattaforma di investimento in criptovalute, CoinFLEX ha affermato che Roger Ver, uno dei primi finanziatori di criptovalute, presumibilmente inadempiente su un debito di $ 47 milioniVer ha risposto con un tweet, respingendo l’accusa.

Ver ha dichiarato, senza prendere il nome di CoinFLEX, di non essere “inadempiente su un debito verso una controparte”. Allo stesso tempo, ha affermato che la piattaforma gli doveva “una notevole somma di denaro”.

Questa notizia è arrivata quando il CEO di CoinFLEX, Mark Lamb, ha affermato sul suo account Twitter ufficiale che Ver, noto anche come Bitcoin Jesus, era inadempiente su una richiesta di margine di $ 47 milioni di USDC. L’accusa è stata avanzata martedì, a cui Ver ha risposto immediatamente, definendo le accuse “alcune voci”.

Questa smentita è stata seguita da numerosi voci sulle piattaforme di social media che il coinvolgimento del proponente di BCH con la piattaforma che blocca i prelievi era dovuto a “un cliente con un patrimonio netto elevato che ha partecipazioni in molte grandi aziende di criptovalute” non copre i propri debiti.

Secondo Lamb, CoinFLEX non deve nulla a Ver. Ha detto che l’azienda ha già avvertito Ver con un avviso di inadempienza del debito e gli stava “parlando spesso durante le chiamate su questa situazione con l’obiettivo di risolverla”.

Questa dichiarazione è stata seguita dall’affermazione che la società aveva un contratto scritto con Ver “che lo obbligava a garantire personalmente qualsiasi capitale negativo sul suo conto CoinFLEX e ad aumentare regolarmente il margine”.

In precedenza, un conto CoinFLEX detenuto da una “persona ad alta integrità con mezzi significativi” ha subito una perdita di $ 47 milioni, dopo essere stato autorizzato a raggiungere un patrimonio netto negativo invece di essere liquidato. La piattaforma ha deciso di rimediare alla sua carenza di liquidità emettendo un nuovo token il 28 giugno, chiamato Recovery Value USD (rvUSD). CoinFLEX prevede che i prelievi degli utenti riprendano dal 30 giugno 2022.

Negli ultimi 30 giorni, il prezzo del token nativo di CoinFLEX FLEX è sceso di oltre l’84%, precipitando da $ 1,19 a $ 0,60 martedì dopo il tiff di Lamb-Ver su Twitter. Tuttavia, mercoledì ha registrato un’impennata improvvisa di oltre il 135% con il prezzo che è salito a oltre $ 3,00 nel momento in cui scriviamo.





Source link

Lascia un commento

Resta aggiornato