Charlie Munger chiama Crypto una “fogna inutile, pericolosa e sporca”


    • Charles Munger ha criticato le criptovalute come prive di valore, mettendo in guardia gli investitori contro di esse.
    • Il socio in affari di Warren Buffett ha definito la criptovaluta una “fogna aperta” e i venditori “deliranti o malvagi”.
    • Munger si è anche astenuto dal commentare l’inflazione e il crollo del mercato azionario, e invece ha propagandato la lunga vita dei combustibili fossili.

L’uomo d’affari americano Charlie Munger ha lanciato un aspro attacco alle criptovalute in una recente intervista. Ha definito le valute virtuali “prive di valore” e ha esortato le persone a evitarle a tutti i costi, paragonando l’industria delle criptovalute a un sudicio pozzo nero.

“Crypto non è un investimento nel nulla”, Munger detto l’Australian Financial Review. “Considero quasi folle comprare questa roba o scambiarla.”

Il vicepresidente di Berkshire Hathaway ha sottolineato che solo perché qualcosa è scarso, non è un motivo convincente per possederlo. Le azioni, che rappresentano pezzi di affari reali e rivendicano i loro profitti, sono un investimento migliore, ha affermato.

Munger ha anche preso di mira i produttori di monete e gli scambi, giurando di acquistare criptovalute poiché è alla base dell’attuale sistema monetario.

“Penso che chiunque venda questa roba sia delirante o malvagio”, ha detto. “Non mi interessa minare le valute nazionali del mondo”.

Durante l’intervista all’AFR, il socio in affari di Buffett, che in precedenza aveva etichettato le criptovalute come una “malattia venerea” e uno strumento per i criminali, ha fatto un’altra accusa schiacciante.

Munger ha anche parlato di una serie di questioni di mercato più ampie. Ha affermato di prestare poca attenzione alle tendenze macroeconomiche e si concentra invece sull’investimento del capitale suo e del Berkshire nel modo più efficiente possibile.

L’investitore ha descritto l’inflazione come un problema ricorrente che ha vissuto, ma ha suggerito che alla fine avrebbe reso tutte le valute del mondo senza valore. “Questa è la mia visione cinica di base”, ha detto.

Munger ha anche respinto il recente calo del mercato azionario come niente di insolito, ma ha suggerito che tassi di interesse più elevati avrebbero un impatto significativo sui prezzi e sulle valutazioni delle azioni.

Ha poi previsto che il mondo continuerà a fare affidamento sui combustibili fossili per molto tempo poiché il gas naturale è necessario per produrre fertilizzanti azotati utilizzati in agricoltura. Tuttavia, ha anche previsto che le risorse energetiche rinnovabili avrebbero un impatto maggiore sulla produzione globale di energia.



Source link

Lascia un commento

Resta aggiornato