Christine Lagarde afferma che le criptovalute non sono basate sul nulla


Banca Centrale Europea
Notizie di mercato

    • La presidente della Banca centrale europea (BCE), Christine Lagarde, ha affermato che le criptovalute “non si basano sul nulla”.
    • I suoi commenti sull’industria delle criptovalute seguono la recente volatilità osservata nei mercati delle criptovalute.
    • Un membro del comitato esecutivo della BCE ha anche condiviso le sue preoccupazioni sulle criptovalute.

Il Presidente del Banca centrale europea (BCE), Christine Lagarde, ha affermato che le criptovalute sono “basate sul nulla” e che dovrebbero essere regolamentate. Crede che la regolamentazione dell’industria delle criptovalute allontanerà le persone dallo speculare sulle criptovalute con i loro risparmi di una vita.

In un’intervista alla televisione olandese, Lagarde ha condiviso la sua preoccupazione con le persone “che non hanno comprensione dei rischi, che perderanno tutto e che saranno terribilmente deluse”. Nell’intervista ha anche affermato che “Credo che l’industria delle criptovalute debba essere regolamentata”.

I suoi commenti sull’industria delle criptovalute seguono la recente volatilità osservata nei mercati delle criptovalute, con valute digitali popolari come Bitcoin (BTC) ed Ethereum (ETH) in calo di circa il 50% rispetto ai picchi stabiliti lo scorso anno.

Secondo Lagarde, “La mia valutazione molto umile è che non vale nulla, non si basa su nulla, non c’è alcuna risorsa sottostante che funga da ancoraggio di sicurezza”. Infine, ha aggiunto che “Il giorno in cui avremo la valuta digitale della banca centrale, qualsiasi euro digitale, lo garantirò, quindi la banca centrale sarà dietro e penso che sia molto diverso da molte di queste cose”.

Anche altri funzionari della BCE hanno espresso le loro preoccupazioni. Uno di questi funzionari è Fabio Panetta, membro dell’Executive Board della BCE. Ad aprile ha affermato che le criptovalute “stanno creando un nuovo selvaggio West” e ha tracciato parallelismi con la crisi dei mutui subprime del 2008″.

Allo stesso tempo, la classe di attività digitale è stata oggetto di un controllo ancora maggiore da parte delle autorità di regolamentazione globali che temono i pericoli che la classe di attività potrebbe rappresentare per il sistema finanziario in generale.



Source link

Lascia un commento

Resta aggiornato