Crypto Freedom in Canada a rischio dopo il congelamento di 120 portafogli


  • I canadesi stanno ritirando tutti i loro soldi dai loro conti bancari in risposta all’Emergency Act del governo.
  • L’atto pone le piattaforme di crowdfunding e le criptovalute da regolamentare ai sensi della legge sul finanziamento del terrorismo, provocando le ire di politici e personalità.
  • Le proteste del Freedom Convoy si sono finalmente concluse dopo 24 giorni con 191 arresti e 57 veicoli rimorchiati.

A seguito del canadese minacce del governo di congelare fondi di ogni tipo, comprese le criptovalute e i poteri di emergenza di congelare 120 indirizzi crittografici senza un ordine del tribunale attraverso un’ingiunzione speciale, i canadesi hanno ritirato i loro fondi per evitare le azioni del governo.

I prelievi bancari sono stati notati da James Melville, un giornalista economico del Regno Unito.

I poteri di emergenza del governo sono arrivati ​​in risposta alle proteste del Freedom Convoy. Una serie di proteste e blocchi contro i mandati COVID-19 in Canada, iniziati come una protesta contro i mandati sui vaccini per l’attraversamento del confine degli Stati Uniti, si sono trasformati in proteste contro i mandati COVID-19 in generale.

Le proteste, iniziate il 22 gennaio, si sono concluse oggi dopo 24 giorni, provocando 191 arresti e 57 veicoli rimorchiati. Il governo canadese ha minacciato di aggiungere i detenuti a un “fascicolo di cattiva condotta”. Le persone in questo file saranno bandite da determinati tipi di lavoro e potrebbero persino essere considerate terroristi.

Il 14 febbraio, il governo canadese ha preso la decisione controversa di invocare l’Emergences Act. Ciò ha lasciato che le piattaforme di crowdfunding e le criptovalute fossero regolamentate dalla legge sul finanziamento del terrorismo.

L’uso da parte del governo dei poteri di emergenza – per la prima volta in 50 anni – ha suscitato polemiche anche tra i politici. Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha affermato che l’obiettivo era semplicemente “affrontare l’attuale minaccia e tenere la situazione sotto controllo”.

L’atto di emergenza ha portato al congelamento di 120 indirizzi crittografici che appartenevano ai manifestanti. Ciò ha impedito che tutti i fondi venissero spesi, nascosti o spostati prima di un giudizio. I fondi sono stati raccolti attraverso criptovaluta donazioni con indirizzi legati a BTC, ETH, LTC, ADA e MXR.

Il 19 febbraio, Russel Brand, il comico e attore inglese, ha pubblicato un video su YouTube in cui criticava le azioni del Primo Ministro canadese, in cui commentava le sanzioni imposte ai camionisti canadesi. Inoltre, ha criticato il congelamento dei loro conti bancari e degli asset di criptovaluta. Brand ha definito le azioni di Trudeau più simili alla tirannia che alla democrazia.

Il CEO di Kraken, Jesse Powell, è intervenuto dicendo che le società non hanno altra scelta che seguire il governo canadese, anche se fosse contro la loro volontà. Nelle parole di Powell, “Il giusto processo è per la plebe. Potrebbe andare bene in Canada.



Source link

Lascia un commento

Resta aggiornato