Esperti del settore, regolatori: “Bitcoin non può salvare la Russia”


  • Esperti del settore e autorità di regolamentazione hanno affermato che le criptovalute, incluso il Bitcoin, non possono salvare la Russia dalle sanzioni economiche.
  • Brian Armstrong ha affermato che mentre le reti blockchain sono decentralizzate, gli scambi di criptovalute sono ancora soggetti alla legge.
  • Il Bitcoin Policy Institute ha anche scherzato sul fatto che Bitcoin è “troppo piccolo” per diventare un’alternativa al dollaro USA o all’euro.

Gli esperti hanno iniziato a pesare sull’idea che le criptovalute, incluso il Bitcoin, siano in grado di aggirare le pesanti sanzioni economiche imposte alla Russia. Al momento, il CEO di Coinbase Brian Armstrong, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti, il Consiglio di sicurezza nazionale e il Bitcoin Policy Institute hanno detto inequivocabilmente un secco “no”.

Armstrong ha affermato che le criptovalute farebbero un terribile lavoro nel mascherare le transazioni dalle autorità di regolamentazione a causa della loro natura trasparente. E mentre le blockchain sono decentralizzate, gli scambi di criptovaluta come Coinbase non lo sono. Quindi, sono sotto la legge.

criptoanalisi.it

LEGGI L’ARTICOLO DALLA FONTE UFFICIALE/a>

Lascia un commento

Resta aggiornato