Green pass di Hitler online, rubate chiavi per generare finti QR code


Allarme sicurezza sulla creazione dei green pass europei e italiani.

Da quanto si è appreso, alcuni hacker sarebbero riusciti a creare un falso green pass di Hitler sottraendo le chiavi grazie alle quali vengono generati i QR code utilizzati per la creazione dei green pass, la certificazione verde che accerta l’avvenuta vaccinazione, l’effettuazione di un tampone oppure la guarigione dal Covid-19. Quanto accaduto, oltre a evidenziare un evidente problema di sicurezza, potrebbe condurre al rischio che possano circolare green pass solo apparentemente validi.

Green pass di Hitler online, cos’è accaduto

Per dimostrare di essere riusciti a sottrarre le chiavi codificate per la generazione dei green pass falsi venduti nel dark web, gli hacker hanno diffuso online il green pass di Adolf Hitler. Il fake non sarebbe stato un problema se non fosse che per le app utilizzate per verificare la validità dei certificati verdi… il green pass è valido a tutti gli effetti! Tutto sarebbe scaturito da Raidforum, uno dei forum maggiormente seguiti sul dark web, in cui un utente polacco avrebbe richiesto la creazione del finto green pass di Hitler per la modica cifra di 300 euro. I green pass di Hitler generati sarebbero stati due però, ciascuno con una data di nascita differente (1 gennaio 1900 e 1 gennaio 1930), e avrebbero iniziato a circolare anche sui gruppi Telegram.



LEGGI L’ARTICOLO DALLA FONTE UFFICIALE

Lascia un commento

Resta aggiornato