I cittadini dello Sri Lanka si rivolgono a criptovalute non regolamentate durante la crisi; L’India si muove per regolamentarlo


  • L’inizio del COVID-19 ha segnato l’inizio delle difficoltà economiche dello Sri Lanka.
  • Molti di coloro che hanno anticipato la crisi si sono rivolti alle criptovalute, ancora non regolamentate nel Paese.
  • L’economia dello Sri Lanka è in caduta libera da tempo ed è sull’orlo del fallimento.

La pandemia è stata l’inizio di problemi per l’economia dello Sri Lanka. Molte persone che si aspettavano la crisi hanno iniziato a cercare modi per sopravvivere. Alcuni sono ricorsi alle criptovalute, che non hanno ancora alcun tipo di struttura di governo in Sri Lanka. Al contrario, la sua vicina, l’India, si sta lentamente muovendo per regolamentare l’attività.

L’imposizione di un’imposta sui valori mobiliari dell’1% sulle criptovalute è stata annunciata solo di recente. Inoltre, due giorni fa il governo ha fornito una spiegazione esauriente in risposta alle preoccupazioni espresse dall’azienda.

Quando la politica TDS dovrebbe entrare in vigore il 1° luglio, sarebbe normale per gli scambi di criptovalute e i rivenditori nel mercato interno?

Le azioni delle società finanziarie domestiche, proprio come quelle delle società di criptovaluta, sono in una tendenza al ribasso da un po’ di tempo ormai. Dopo che il tasso dei pronti contro termine è stato aumentato il 4 maggio dalla Reserve Bank of India (RBI), la maggior parte di essi è andata in tilt.

Esiste un segmento di imprese che potrebbe essere suscettibile agli effetti dell’aumento dei tassi di interesse, sebbene gli economisti ritengano che una sana domanda di immobili possa mitigare l’effetto degli aumenti dei tassi.

Nel frattempo, in Sri Lanka, l’economia è in un libero declino da qualche tempo e sta accelerando verso l’insolvenza a un ritmo allarmante. La sua inflazione alimentare è salita alle stelle al 57% e il paese non ha riserve per importare beni di prima necessità a causa dell’esaurimento delle sue riserve.

I settori dell’abbigliamento e del tè, due dei più importanti pilastri economici dello Sri Lanka, stanno entrambi subendo gravi battute d’arresto come conseguenza diretta dell’attuale crisi economica.



Source link

Lascia un commento

Resta aggiornato