Il primo ente di beneficenza degli Emirati Arabi Uniti ad accettare donazioni in criptovalute


  • La Fondazione Al Jalila riceve un permesso per accettare donazioni in criptovalute.
  • Questa è la prima fondazione di beneficenza negli Emirati Arabi Uniti ad accettare donazioni in criptovalute.
  • I rapporti affermano che i millennial e la Generazione Z preferiscono la donazione di criptovalute al denaro.

Fondazione Al Jalilaun’organizzazione sanitaria senza scopo di lucro con sede a Dubai e membro della Mohammed Bin Rashid Al Maktoum Global Initiative, ha ricevuto approvazione per accettare donazioni di beneficenza in criptovalute, diventando il primo ente di beneficenza sanitario degli Emirati Arabi Uniti ad accettare donazioni in denaro virtuale. La fondazione ha anche collaborato con una piattaforma crittografica leader in questo senso.

Gli Emirati Arabi Uniti sono uno dei mercati crittografici in più rapida crescita al mondo, che rappresenta fino al 7% del volume degli scambi globali, come affermato da Chainalysis. Pertanto, in linea con la visione degli Emirati Arabi Uniti di essere all’avanguardia nell’adozione di tecnologie finanziarie avanzate e di promuoversi come hub di risorse digitali, la Fondazione Al Jalila mira ad espandere i canali di donazione, la rete e le capacità attraverso questa integrazione.

Di recente, la criptofilantropia è emersa come una fonte significativa e sostenibile per le raccolte fondi di beneficenza, in particolare tra i donatori Gen-Z e Millennial. Basato su a studia pubblicata l’anno scorso da The Giving Block, una piattaforma di cripto-filantropia per i donatori, la donazione annuale di criptovalute nel 2021 è aumentata di oltre il 15% rispetto al 2020. Inoltre, la donazione media di criptovalute ha raccolto $ 10.455 rispetto a donazioni in contanti di $ 128.

L’amministratore delegato della Fondazione Al Jalila, il dottor Abdulkareem Sultan Al Olama, ha affermato: “Siamo sempre alla ricerca di modi innovativi per espandere i nostri canali di donazione per facilitare la comodità dei donatori di tutto il mondo a sostenere i nostri programmi”.

Siamo orgogliosi di essere il primo ente di beneficenza sanitario negli Emirati Arabi Uniti ad accettare donazioni in criptovalute colmando il divario tra valuta fisica e digitale.

La fondazione ha sempre lavorato per raccogliere fondi per fornire programmi sanitari che trasformano la vita nel regno delle cure mediche, dell’istruzione e della ricerca dal 2013. Con questo sviluppo, il dott. Olama si aspetta che i donatori di tutto il mondo facciano un passo avanti dal numero di gli utenti di criptovalute sono in continuo aumento.





Source link

Lascia un commento

Resta aggiornato