Innovazione, femminile singolare: il premio GammaDonna incorona le imprenditrici italiane più promettenti


Fisica particellare, gestione idrica e biotecnologia, ma anche produzione di pellami, di pasta e di risorse ortofrutticole: ecco le sei finaliste della manifestazione incentrata sulla promozione dell’imprenditoria femminile e giovanile

Sarà proclamata la sera di domenica 21 novembre la vincitrice del 13° Premio GammaDonna, iniziativa che dal 2004 mira a promuovere l’attività professionale di una nuova generazione di imprenditrici e di startupper che hanno fatto del rinnovamento e del potenziamento industriale la propria missione.

Il novero delle 6 finaliste, composto nello specifico da Milena Baroni di Mycroclean Italia, Amelia Cuomo di Pasta Cuomo, Giulia Giuffrè di Irritec, Marianna Palella di Citrus, Sara Santori di Conceria Nuvolari e Silvia Scaglione di React4life, restituisce l’idea di un settore variegato e multidisciplinare, in grado di spaziare dall’ambito food a quello biotech, dall’artigianato conciario alla tradizione pastaia, dall’irrigazione di precisione alla gestione ortofrutticola etica e sostenibile, esteso dall’hinterland di Gorgonzola alla cuspide siciliana di Capo d’Orlando, passando per il capoluogo ligure, la provincia fermana, la campagna cesenate e la Città della Pasta per eccellenza.

A garantire all’evento la copertura che merita sarà, come lo scorso anno, l’emittente televisiva QVC Italia, artefice del primo format per il piccolo schermo finalizzato alla presentazione di modelli di impresa virtuosi in…

LEGGI L’ARTICOLO COMPLETO

Lascia un commento

Resta aggiornato