La CFTC accusa il CEO sudafricano di frode su Bitcoin da 1,7 miliardi di dollari


La CFTC accusa il CEO sudafricano di frode su Bitcoin da 1,7 miliardi di dollari
Notizie di mercato

  • La Commodity Futures Trading Commission ha intentato una causa civile contro Mirror Trading International Proprietary Limited e il suo CEO.
  • Il pool di merci fraudolente ammontava a 1,7 miliardi di dollari in Bitcoin.
  • I dati di Chainalysis mostrano che oltre 14 miliardi di dollari di criptovalute sono andati a indirizzi illeciti solo nel 2021.

La Commodity Futures Trading Commission (CFTC) degli Stati Uniti il ​​30 giugno ha intentato una causa civile contro Mirror Trading International Proprietary Limited e il suo CEO, Cornelius Johannes Steynberg. Questo sviluppo è arrivato tramite un rapporto di Reuters nelle prime ore del 1 luglio.

L’autorità di regolamentazione delle materie prime statunitense ha affermato che lo schema di frode ha visto l’azienda sollecitare Bitcoin online da migliaia di persone a gestire un pool di merci fantasma. Il pool di materie prime fraudolente ammontava a 1,7 miliardi di dollari in Bitcoin, il più grande che l’autorità di regolamentazione avesse mai perseguito coinvolgendo la criptovaluta.

Secondo la CFTC, la società ha affermato di avere un software proprietario che avrebbe realizzato guadagni commerciali significativi per gli investitori che hanno unito i loro bitcoin con loro, ma in realtà era una bufala. È stata investita solo una piccola parte del pool di Bitcoin, che era in perdita mentre si è appropriato indebitamente del resto. La società alla fine ha dichiarato bancarotta nel 2021, poco dopo le autorità sudafricane hanno avviato un’indagine per frode.

Steynberg era un latitante delle forze dell’ordine sudafricane, ma è stato recentemente detenuto in Brasile con un mandato d’arresto dell’INTERPOL.

La frode sui bitcoin sta diventando popolare ogni giorno, con shakedown più sottili mascherati da opportunità di business. Solo nel 2021, oltre 14 miliardi di dollari di criptovalute sono andati a indirizzi illeciti, secondo i dati disponibili su Chainalysis. Inoltre, nel 2020, il Dipartimento del Tesoro degli Stati Uniti ha presentato accuse penali contro due cittadini russi, Danil Potekhin e Dmitrii Karasavidi, accusandoli di aver sottratto 17 milioni di dollari in criptovalute da 342 clienti su Binance, Gemini e Poloniex. Hanno creato pagine Web false per camuffare le pagine di accesso dei popolari scambi di criptovalute per raccogliere i dettagli di accesso degli utenti.



Source link

Lascia un commento

Resta aggiornato