L’ufficiale RBI chiede il divieto di criptovaluta


RBI_vice_governatore_Banning_crypto_'most_advisable_choice'
Notizie di mercato

  • Il vice governatore della RBI chiede il divieto, e non la regolamentazione, della criptovaluta.
  • Sankar afferma che le criptovalute destabilizzeranno la stabilità macroeconomica del paese.
  • Il dibattito indiano sulla legalizzazione o il divieto delle criptovalute è ancora in corso.

Il 14 febbraio Banca di riserva dell’IndiaIl vice governatore T. Rabi Sankar ha chiesto il divieto totale della criptovaluta davanti ai suoi colleghi banchieri.

La dichiarazione arriva pochi giorni dopo che l’Union Budget ha proposto di tassare le criptovalute che ha suscitato preoccupazioni tra gli altri esperti finanziari. Durante il suo discorso, Sankar ha tracciato un parallelo tra gli schemi Ponzi e criptovalutae ha affermato che vietarlo è la “scelta più consigliabile” per il governo indiano.

Sankar ha osservato che dare alla criptovaluta l’opportunità di esistere in un paese in cui prevale il denaro fiat, “un effetto destabilizzante sulla stabilità monetaria e fiscale di un paese” sarebbe inevitabile. Ha inoltre aggiunto che la regolamentazione delle criptovalute fa sì che diventi una risorsa di investimento, rendendola più preziosa e sottraendo più utenti di Rupee.

Il vice governatore contesta il vero valore delle criptovalute, affermando:

A differenza del valore della rupia, che è ancorato alla politica monetaria e al suo status di moneta a corso legale, il valore degli asset crittografici si basa esclusivamente sull’aspettativa che anche altri li apprezzino e li utilizzino.

Il funzionario della RBI sottolinea che la semplice regolamentazione della criptovaluta ne incoraggerebbe l’uso all’interno delle fondamenta stabilite dal governo. Sankar è consapevole, tuttavia, che i sostenitori delle criptovalute continueranno a supportarne l’utilizzo nonostante l’imposizione del divieto all’uso della valuta virtuale, lo stesso che “il traffico di droga è un fenomeno dilagante nonostante il divieto.

L’India è una delle nazioni in cui le società blockchain e i legislatori hanno un dibattito in corso in merito regolamenti sulle criptovalute. Nel frattempo, la decisione di legalizzare o vietare l’uso della criptovaluta è ancora in uno stato di prolungato limbo normativo poiché il ministro delle finanze Nirmala Sitharaman assicura ulteriori discussioni sulla questione.



Source link

Lascia un commento

Resta aggiornato