Oltre 15.000 indiani firmano una petizione contro il 30% di aliquota fiscale sulle criptovalute


  • Nel Budget 2022 è stata introdotta una tassa sulle criptovalute del 30%.
  • Un’entusiasta indiana di criptovalute Aditya Singh ha twittato il link della petizione.
  • Più di 15.000 firmatari hanno insistito sulla necessità di abbassare la tassa sulle criptovalute del 30% in India.

Un giorno dopo il rilascio di Budget 2022 in India, è stata presentata una petizione su Change.org contro il previsto tassa sulle criptovalute. La petizione intitolata Governo dell’India: introduzione ragionevole Politiche fiscali delle criptovalute ha ottenuto più di 15.000 firme, accreditandola come una delle petizioni più popolari su Change.org.

Il ministro delle finanze dell’Unione indiana Nirmala Sitharaman ha sottolineato nel bilancio che il governo proporrà una rupia digitale nel 2023 e imporrà una tassa del 30% sulle risorse digitali. Ciò ha reso il paese più cripto e NFT-friendly legittimando il suo commercio.

Aditya Singh, un’appassionata di criptovalute, ha proposto la petizione su un post su Twitter esortando il governo a “riconsiderare e ridurre la tassa sulle criptovalute”.

La petizione ha ottenuto un elevato volume di risposte entro poche ore dalla pubblicazione.

Secondo molti HODLer indiani di criptovalute, un’aliquota elevata della tassa sulle criptovalute potrebbe ridurre gli scambi, nonostante l’allerta della banca centrale sui rischi di volatilità dei prezzi, finanziamento del terrorismo e riciclaggio di denaro.

In conformità con una transazione facile, India, che dipende dal contante, si è unita a paesi come la Cina per perseguire una versione digitale delle proprie valute. Tuttavia, fino ad ora l’India non ha alcuna regolamentazione nel trading di criptovalute, sebbene avesse proposto un divieto all’inizio dell’anno scorso. Ma il precedente divieto non ha funzionato con i cittadini, poiché molti si stanno rendendo conto della necessità delle criptovalute.

I rapporti affermano che circa 20 milioni di indiani si sono registrati in investimenti in criptovalute, mentre decine di migliaia di giovani sono fortemente coinvolti nello sviluppo di servizi del settore delle criptovalute.



Source link

Lascia un commento

Resta aggiornato