“Solo 2 ore per presentare il privilegio di procuratore-cliente”, afferma l’avvocato di Ripple


  • Ripple ha presentato una mozione per competere in merito alle risposte carenti della SEC agli RFA di Ripple.
  • Jeremy Hogan dice che questo gli ricorda i precedenti RFA che hanno depositato.
  • Ripple aveva presentato una richiesta di ammissione chiedendo alla SEC i dettagli dei propri dipendenti che commerciavano XRP fino al 2019.

I Convenuti Ripple hanno presentato una “Mozione per costringere” in merito alle risposte carenti della US Securities and Exchange Commission (SEC) alla quarta serie di richieste di ammissione dei Convenuti Ripple. L’avvocato Jeremy Hogan ha pubblicato un post su Twitter dicendo che questa mozione gli ha ricordato la volta in cui hanno appreso che il personale della SEC aveva acquistato e venduto XRP fino a marzo 2019.

Hogan ha inoltre proseguito con: Andiamo avvocato della SEC: hai solo 2 ore per presentare quella richiesta di privilegio avvocato-cliente!

Nell’agosto 2019, Ripple ha presentato una mozione cercando di costringere la SEC a rivelare se i suoi dipendenti hanno scambiato XRP mentre cercava di dimostrare che la SEC non considerava le risorse digitali come titoli. La SEC, tuttavia, si era rifiutata di fornire queste informazioni.

Ripple Labs e SEC stanno combattendo da un po’ di tempo ormai e il ritardo per la risposta da parte della SEC non è nuovo. Il CEO di Ripple Brad Garlinghouse aveva affermato in precedenza che la SEC stava trascinando il caso, ma ha aggiunto che, nonostante tutti questi ostacoli, Ripple ha avuto un anno record nel 2021 e un record nel primo trimestre del 2022.

Nonostante Prezzi XRP ha visto un picco a un certo punto nell’ultimo mese, anch’esso, insieme al resto del mercato, è caduto. Tuttavia, è interessante notare che è andata meglio della maggior parte delle altre monete. Al momento in cui scriviamo, XRP è a 0,406620$, in calo del -2,4% negli ultimi sette giorni.

Per chi non lo sapesse: nel 2020, la SEC aveva citato in giudizio Ripple Labs per aver emesso e venduto titoli senza licenza – token XRP – al pubblico. Da allora il mondo delle criptovalute ha seguito la causa SEC vs. Ripple. L’esito di questo caso stabilirà un precedente e ci si aspetta che i risultati qui aiutino a chiarire il panorama normativo per le future offerte iniziali di monete.





Source link

Lascia un commento

Resta aggiornato