Vitalik Buterin di Ethereum dona 5,3 milioni di dollari al Kirby Institute


  • Vitalik Buterin ha donato USDC$4M o $5,3M al Kirby Institute UNSW Sydney.
  • Si ritiene che la sua donazione sia la criptovaluta più conosciuta data a un istituto di istruzione superiore australiano.
  • La donazione doveva sostenere lo sviluppo di uno strumento di rilevamento della pandemia chiamato EPIWATCH.

Vitalik Buterin, co-fondatore di Ethereumha donato al Kirby Institute presso l’Università del Galles del Sud (UNSW) Sydney per aiutare a costruire uno strumento che avverta di future pandemie.

Il fondatore della seconda criptovaluta più grande del mondo ha donato USDC $ 4 milioni (stablecoin), che si convertono approssimativamente in $ 5,3 milioni. Si ritiene che sia il più noto criptovaluta dato a un istituto di istruzione superiore australiano.

La donazione è stata ricevuta per supportare EPIWATCH, uno strumento di intelligence open source (OSINT) sviluppato dalla professoressa Raina MacIntyre dell’UNSW Kirby Institute.

Lo sviluppo di EPIWATCH è iniziato nel 2016 e ha rafforzato ricerche e test approfonditi. Il suddetto strumento funziona scansionando milioni di elementi di dati online disponibili pubblicamente, come social media e notizie, per individuare le epidemie molto più velocemente rispetto ai rapporti formali dei laboratori e dei medici nazionali.

Buterin ha detto:

Prima riusciamo a rilevare nuove epidemie man mano che si manifestano, più rapidamente possiamo iniziare a sviluppare trattamenti o addirittura fermarli prima che diventino grandi.

Secondo il professor MacIntyre, il regalo consentirà al team del Kirby Institute dell’UNSW di rendere EPIWATCH accessibile ai paesi a basso e medio reddito. “Immaginate se qualcuno avesse rilevato COVID-19 prima che si diffondesse in tutto il mondo: questa è la nostra visione”, ha detto. “Utilizzando l’intelligenza artificiale e i dati open source in tempo reale, EPIWATCH non dipende dalle persone che effettuano i rapporti. È un grande pareggio e può superare i sistemi sanitari deboli e la censura”.

Affinché lo strumento sia più efficace, deve essere accessibile nelle lingue locali e ampiamente utilizzato a livello di base fino ai villaggi e alle piccole città di tutto il mondo. Questo darà la migliore prospettiva di prevenire le pandemie.

Nel frattempo, il professor Attila Brungs, vice-cancelliere e presidente dell’UNSW Sydney, ha espresso il suo apprezzamento per il dono ricevuto dal fondo Balvi. “Negli ultimi due anni abbiamo assistito alle devastazioni della pandemia di COVID-19 in tutto il mondo. Rendendo EPIWATCH accessibile nei paesi a basso reddito, l’iniziativa Shiba Inu OSINT ha il potenziale per evitare future crisi mondiali come le pandemie”, ha aggiunto.





Source link

Lascia un commento

Resta aggiornato